17424702_1481437415201940_1454242282999544504_nZerovskij… solo per amore”, Renato Zero vuole stupire il pubblico a 50 anni dal debutto annunciando il suo nuovo, ambizioso, progetto a 50 anni dal suo debutto, ovvero lo spettacolo di teatro totale “Zerovskij… solo per amore”. Il famoso cantante torna e, come sempre capita quando si parla di lui, alza l’asticella, gettandosi in un progetto ambizioso che unisce la musica al teatro.

Il cantante romano non è nuovo a queste operazioni controcorrente, lui che un giorno ha deciso di prendere in mano le redini della propria vita artistica percorrendo la via alternativa, dell’autoproduzione, correndo i rischi – quelli di lasciare una casa abbastanza sicura come le major – che deve affrontare anche uno dei volti più noti e amati del panorama musicale italiano. Questa volta la sfida si chiama “Zerovskij… solo per amore”, ovvero, come lo descrive la nota stampa che l’accompagna:

Una sorta di teatro totale che vivrà sui palcoscenici più suggestivi del nostro Paese attraverso un eccezionale dispiegamento di forze artistiche, fondendo in un abbraccio appassionato musica alta, prosa e cultura pop. Un’operazione artistica e sociale che intende illuminare tante risorse del nostro Paese sempre più delegittimato nei suoi pilastri fondanti: l’arte e la cultura.

Pare che sul palco ci saranno un’orchestra e un coro, diretti proprio dal misterioso maestro Zerovskij, che traghetteranno il pubblico attraverso “Amore, Odio, Tempo, Morte e  Vita non più come astratti concetti ma finalmente umanizzati, pronti al confronto amaro, ironico, tenero e spietato, con i due viaggiatori di sempre, Adamo ed Eva”. Un’opera, insomma, che va al di là del concerto e che con l’aiuto di un’orchestra di 61 elementi, 30 coristi e 7 attori darà vita al più grande spettacolo di Zero, che arriva a 50 anni esatti dalla pubblicazione del suo primo 45 giri: “Non basta sai”/“In mezzo ai guai”. Lo spettacolo partirà da Roma a luglio con 5 appuntamenti al Centrale del Foro Italiaco, l’1, 2, 4, 5 e 6,

A richesta possibilita’ di taxi privato

Zerovskij … only for love “, Renato Zero wants to surprise the audience 50 years after its debut by announcing its new, ambitious project in 50 years since its debut, or the spectacle of total theater” Zerovskij … only for love “. The famous singer is back and, as always happens when you talk to him, raises the bar, throwing himself into an ambitious project that combines music and theater.

The Roman singer is not new to these counter-operations, that one day he decided to take the reins of their artistic life along the alternative route of self, running the risks – those of a fairly safe to leave the house as the majors – which must also address one of the best-known faces and beloved of the Italian music scene. This time the challenge is called “Zerovskij … only for love”, or, as described by the press release that accompanies it:

A kind of total theater that will live in the most beautiful stages of our country through an exceptional deployment of artistic forces, merging in a passionate embrace loud music, drama and pop culture. An operation artistic and social aims that illuminate the many resources of our country increasingly de-legitimized in its founding pillars: art and culture.

It seems that on the stage there will be an orchestra and a choir, directed by its mysterious master Zerovskij that traghetteranno the public through “Love, Hate, Time, Death and Life no longer as abstract concepts but finally humanized, ready to bitter confrontation, ironic , tender and ruthless, with the two travelers forever, Adam and Eve. ” A work, in short, that goes beyond the concert and that with the help of an orchestra of 61 elements, 30 singers and 7 actors will create the largest Zero show, which comes exactly 50 years after the publication of his first 45 laps: “you just know” / “In the midst of trouble.” The show will depart from Rome in July with five appointments to the Italiaco Foro Central, 1, 2, 4, 5 and 6,

A richesta possibility ‘of private taxi

 

58499-TCI_Palazzo_della_Farnesina_Maeci_Atrio_d_onore_2

APRE AL PUBBLICO IL PALAZZO DELLA FARNESINA

Dal 18 Gennaio 2017 al 31 Dicembre 2017

ROMA

LUOGO: Palazzo della Farnesina

ENTI PROMOTORI:

  • Touring Club Italiano

SITO UFFICIALE: http://www.collezionefarnesina.esteri.it

 

COMUNICATO STAMPA:
Il Touring Club Italiano, dopo l’apertura del Palazzo del Quirinale nel 2015, si prepara ad un’importante nuova collaborazione per permettere di accogliere ilpubblico, con i suoi  Volontari per il Patrimonio Culturale, al Palazzo della Farnesina e alla raccolta d’arte contemporanea conservata nelle sale di rappresentanza e nei corridoi della sede del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale.

La Collezione Farnesina nasce nel 2000 su iniziativa dell’allora Segretario Generale Ambasciatore Umberto Vattani, per sottolineare un preciso indirizzo progettuale del Ministero, che ha fatto della ricerca artistica contemporanea un ambito d’intervento strategico della propria politica culturale.
A partire da un primo significativo nucleo di acquisizioni, che videro la commissione di un importante apparato decorativo e di numerose opere d’arte nel corso degli anni Cinquanta e Sessanta, l’operato di diversi comitati scientifici ha dato vita nel corso del tempo a una selezione che ha raccolto opere di altissimo profilo per la storia dell’arte italiana del Novecento.
Alcuni dei più famosi artisti in collezione sono: Kounellis, Novelli, Vedova, Pistoletto, Mauri, Alviani, Marini, Martini, Dorazio, Accardi, Sanfilippo, Spalletti, Merz, Rotella, Fioroni, Maselli, Varisco, Garutti, Galliani, Tirelli, Nunzio, Favelli, Ruffo e Pietrella.

Solitamente aperta solo in occasioni straordinarie, da gennaio la Collezione Farnesina si potrà ammirare ogni ultimo venerdì del mese grazie ai Volontari del Touring Club Italiano per il Patrimonio Culturale, tra i quali molti sono studenti delle principali università romane. Le visite accompagnate si terranno dalle 10 alle 16 con prenotazione dal sito internet: www.collezionefarnesina.esteri.it.

The Italian Touring Club, after the opening of the Quirinale Palace in 2015, is preparing for an important new collaboration to allow to welcome ilpubblico, with its Volunteers for Cultural Heritage, to the Farnesina and the collection of contemporary art preserved in the boardrooms and corridors of the headquarters of the Ministry of Foreign Affairs and International Cooperation.

The Farnesina Collection was founded in 2000 on the initiative of the then Secretary General Ambassador Umberto Vattani to emphasize a specific design guidelines of the Ministry, which has made contemporary art an area of ​​strategic intervention of its own cultural policy.
From a first significant core of acquisitions, which saw the commission of an important decorations and numerous works of art in the course of the fifties and sixties, the work of various scientific committees has led over time to a selection who collected works of the highest profile for the history of Italian art of the twentieth century.
Some of the most famous artists in the collection are: Kounellis, Novelli, Widow, Pistoletto, Mauri, Alviani, Marini, Martini, Dorazio and Accardi, Sanfilippo, Spalletti, Merz, Wheel, Fioroni, Maselli, Varisco, Garutti, Galliani, Tirelli, Nunzio , Favelli, Ruffo and Pietrella.

Usually open only on extraordinary occasions, from January the Farnesina Collection you can admire every last Friday of the month thanks to the Italian Touring Club Volunteers for Cultural Heritage, many of whom are students of the leading universities in Rome. The visits will take place accompanied by 10 to 16 with reservations from the website: www.collezionefarnesina.esteri.it.