eur-cascate-0210Dopo 56 anni riapre il Giardino delle cascate dell’Eur. Si presentera’ come i giardini di Versailles con fontane che zampillano, scogliere , pietre naturali e piante di ogni specie.

Gioiello di progettazione paesaggistica, disegnato dall’architetto Raffaele De Vico, è rimasto chiuso e nascosto per quasi sessant’anni. Oggi dopo una adeguata messa in sicurezza ed una riqualificazione delle aree verdi viene restituito ai cittadini ed ai turisti che vorranno visitarlo

Tali opere, che furono sottoposte a una prima ristrutturazione nel 2003 e un’altra più approfondita a fine decennio, hanno il duplice scopo di garantire il necessario apporto di ossigeno all’ecosistema costituito dal laghetto,Nel parco circostante al lago sorgono diverse infrastrutture costruite in occasione dei giochi olimpici che Roma ospitò nel 1960: sulla collina che sovrasta il lago si trova il Palazzo dello Sport (1958-60), opera di Pier Luigi Nervi e Marcello Piacentini, mentre sul fronte nord occidentale del bacino si trova la Piscina delle Rose (idem), che ospitò alcune gare del torneo olimpico di pallanuoto.

 

La strada pedonale e ciclabile che attraversa il parco si chiama Passeggiata del Giappone in onore di tale Paese il cui allora primo ministro, Nobusuke Kishi, in visita ufficiale in Italia nel luglio 1959, donò a Roma a nome del proprio governo 2 500 sakura (prunus serrulata ), ciliegi giapponesi da fiore molti dei quali piantati proprio nel parco dell’EUR.

 parco-centrale-del-lagoAl riguardo, è invalsa da qualche anno l’abitudine di celebrare anche a Roma un’usanza tipicamente nipponica, l’hanami (ovvero “ammirazione dei fiori”), che avviene nel periodo di fioritura dei sakura (metà marzo — inizio aprile) e consiste nel passeggiare sotto tali alberi e sovente consumare un pic nic all’ombra degli stess non manca chi celebra l’hanami vestendo il kimono, abito tradizionale del Giappone

After 56 years the Garden of the Cascades of the Eur reopens. It will be presented as the gardens of Versailles with fountains that spring, cliffs, natural stones and plants of every species.

Landscape design jewel, designed by architect Raffaele De Vico, has been closed and hidden for almost sixty years. Today, after adequate security and redevelopment of green areas is returned to citizens and tourists who want to visit it

These works, which were subjected to a first refurbishment in 2003 and another more thorough at the end of the decade, have the dual purpose of ensuring the necessary oxygen supply to the pond ecosystem. In the park surrounding the lake there are several infrastructures built in The occasion of the Olympic Games that Rome hosted in 1960. The Palace of Sport (1958-60), Pier Luigi Nervi and Marcello Piacentini, is located on the hill above the lake, while the north of the basin is the Rose Swimming Pool (Idem), which hosted some Olympic water polo races.

The pedestrian and cycling road that crosses the park is called the Promenade of Japan in honor of that country whose then prime minister, Nobusuke Kishi, on his official visit to Italy in July 1959, gave to Rome on behalf of his government 2 500 sakura (prunus Shrubs), Japanese flower cherries, many of which are planted right in the park of the EUR.

About it, for some years now has been used to celebrate in Rome a typically Japanese custom, the hanami (or “admiration of flowers”), which takes place in the flowering period of sakura (half March – early April) and consists of strolling under these trees and often consuming a picnic in the shadow of the stess is also missing who celebrates the hanami dressing kimono, the traditional dress of Japan